Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

Storia

Un tour de force napoleonico: “Napoleone in venti parole” di Ernesto Ferrero

Ernesto Ferrero

Napoleone in venti parole

Torino, Einaudi, 2021

 

Confezionato per il bicentenario napoleonico, questo compendio in pillole offre molti spunti di approfondimento, con l’ausilio della densa bibliografia finale. Ma dell’autore si raccomanda soprattutto “N.”, il ritratto di Napoleone all’Elba che gli valse il premio Viareggio, racconto coinvolgente di quella parentesi di dieci mesi, raramente emulato in questo tour de force (anche editoriale, tanti sono i refusi!).

Continua a leggere

Un contributo al dibattito sulla nascita dell’Italia di oggi: “Anche i partigiani però” di Chiara Colombini

Chiara Colombini

Anche i partigiani però

Roma.Bari, Laterza, 2021


L’autrice mette a profitto la sua lunga esperienza all’Istituto piemontese della Resistenza come studiosa ed organizzatrice degli annuali Cantieri di Giustizia e libertà e dell’azionismo, nonché delle prove di divulgazione a Rai storia, per contribuire a questa collana laterziana che si propone di sfatare i luoghi comuni della memoria storica.

Continua a leggere

Un pagina di Storia recente:”Lettere a Piero Calamandrei 1939-1956″ di Salvatore Satta

Salvatore Satta

Lettere a Piero Calamandrei 1939-1956

a cura di Angela Guiso e Carlo Felice Casula

Bologna, Il Mulino, 2020

 

Due studiosi sardi, lei critica letteraria e lui storico, hanno ricostruito un prezioso carteggio tra i giuristi-letterati Salvatore Satta e Piero Calamandrei, che documentano momenti di consonanza e collaborazione significativi.

Continua a leggere

Aria: “Stanotte dormirai nel letto del re” di Sandra Bonsanti

Aria

Sandra Bonsanti

Stanotte dormirai nel letto del re

Archinto 2020

 

Una boccata d’aria pura, prendendo fiato dalla lettura ammorbante dell’ultimo Scurati, che oltre a propinarci tutti i dettagli intestinali del Duce, dileggia gli aventiniani e l’opposizione intellettuale al fascismo, sottolineando l’impotenza degli uomini di cultura che sottoscrissero il Manifesto di Benedetto Croce.

Continua a leggere