Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

Recensioni

Il vincitore del Premio Strega: “Il colibrì” di Sandro Veronesi

Sandro Veronesi

Il colibrì

Milano, La Nave di Teseo, 2020

 

Predestinato a collezionare un secondo Strega, questo romanzo è stato molto votato e molto ben recensito, tanti sono gli estimatori di Veronesi, che lo paragonano addirittura a Moravia, e tanti gli amici, che ne apprezzano l’impegno sociale e civile. Eppure si legge a fatica, soprattutto nella seconda parte, in una collazione di sventure da cui il protagonista esce sempre indenne, come il colibrì che fa vibrare freneticamente le ali per riuscire a star fermo.

Continua a leggere

Giochi di competizione nel Terzo millennio: “Le potenze del capitalismo politico…” di Alessandro Aresu

Alessandro Aresu

Le potenze del capitalismo politico; Stati Uniti e Cina

Milano, La Nave di Teseo, 2020

 

Allievo di Guido Rossi e di Massimo Cacciari, Aresu sembra ispirarsi allo stile di quest’ultimo nella complessità ed oscurità del periodare, rendendo questo saggio di più di 400 pagine (privo di bibliografia) una lettura non agevole, nonostante la quantità di spunti e riferimenti che offre.

Continua a leggere

Per ricordare…e capire: “Città sommersa” di Marta Barone

Marta Barone

Città sommersa

Milano, Bompiani, 2020

 

Presentato a giusto titolo da Enrico Deaglio per il premio Strega, il libro della Barone è il frutto di una lunga ed accurata ricerca di una figlia sulle tracce del padre, di una trentenne di oggi che si misura con gli anni Settanta ed il tortuoso percorso di un giovane militante, Leonardo Barone, sessantottino a Roma, studente di Medicina, per poi approdare a Torino, prima in “Servire il popolo” e poi nelle lotte della FIAT, sfiorando il terrorismo di “Prima linea”.

Continua a leggere