Skip to content Skip to left sidebar Skip to footer

Iniziano le celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità Italiana: una giornata con Giuliano Amato al Teatro Poliziano

Comune di Montepulciano

Provincia di Siena

COMUNICATO STAMPA

Sabato 29 gennaio, ore 10.00, incontro al Teatro Poliziano

MONTEPULCIANO, AMATO APRE LE CELEBRAZIONI PER IL 150°

Il presidente del comitato nazionale interviene presentando il volume di Ciampi

Coinvolti gli istituti scolastici, intervento musicale a cura dell’Istituto di Musica

MONTEPULCIANO – Sarà Giuliano Amato ad aprire i festeggiamenti poliziani per il 150° dell’Unità d’Italia. Montepulciano ottiene quindi la partecipazione di un ospite particolarmente autorevole: Amato è infatti presidente del comitato nazionale dei garanti per le celebrazioni dell’anniversario. È in programma sabato 29 gennaio, alle ore 10.00, l’incontro con l’ex primo ministro che interviene al Teatro Poliziano presentando l’ultimo libro del presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi, “Non è il paese che sognavo”. Una riflessione appassionata, amara e costruttiva sulla storia e sul futuro del nostro paese.

Per l’occasione, sono stati mobilitati tutti gli istituti scolastici poliziani che hanno intrapreso un percorso di approfondimento sui temi legati all’Unità d’Italia: la discussione pubblica si preannuncia quindi animata dagli interventi degli studenti e delle donne migranti, in rappresentanza di segmenti significativi della nostra società contemporanea.

Alla presenza delle istituzioni locali, è previsto anche un intervento musicale curato dall’Istituto di Musica della Fondazione Cantiere Internazionale. Per l’occasione saranno eseguiti 3 brani: “La marcia dell’acquedotto”, composta nel 1894 per l’inaugurazione dell’impianto idrico di Montepulciano, poi l’aria patriottica “L’esule” firmata da Giuseppe Verdi e l’inno di Mameli.

Ci saranno anche sorprese di carattere teatrale e scenografico, per arricchire un’iniziativa che si profila come un vero e proprio happening. L’organizzazione è affidata ad un apposito comitato, presieduto da Alessio Biancucci e istituito dal Comune di Montepulciano con il coinvolgimento delle realtà politiche e culturali più radicate del territorio.

Nel manifesto programmatico del comitato organizzatore si evidenziano gli intenti per “una celebrazione del 150° anniversario dell’unità d’Italia all’insegna di una cittadinanza attiva, partecipata e solidale, è il miglior omaggio che possiamo fare alla nostra patria, quella dolce patria a cui tanti hanno dedicato energie e talvolta la vita, nel Risorgimento, nella Resistenza, nelle prove quotidiane”.

L’agenda delle manifestazioni si articola su tutto il 2011: sono in arrivo incontri con storici e studiosi del calibro di Lucio Villari, Alberto Mario Banti, Mario Isnenghi.  Il prossimo Cantiere internazionale d’arte aprirà con un brano di Giuseppe Verdi legato all’età risorgimentale: una versione inedita del preludio di “Aida”, affidata alla direzione dell’affermato maestro Roland Boer. Inoltre, Il Bruscello porterà in scena, a Ferragosto, la vicenda del poliziano Zelindo Ascani, garibaldino, componente della spedizione dei Mille. La Società Storica Poliziana dedicherà la sua monografia 2011 a Montepulciano nel Risorgimento.

Ufficio Stampa

Montepulciano, 25 gennaio 2011

« Torna indietro