Biblioteca Comunale di Montepulciano

Biblioteca Archivio Piero Calamandrei

Il paesaggio della Toscana: quale politica?

Libri ricevuti

La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il piano della Toscana

a cura di Anna Marson

Roma-Bari, Laterza, 2016

 

Il volume approfondisce con contributi originali i metodi e le tecniche impiegati per la costruzione del Piano paesaggistico della Toscana, uno dei soli tre esistenti a livello nazionale, assieme a quello della Puglia e quello delle coste sarde.

Nella prefazione  il Presidente della regione Enrico Rossi insiste sul processo democratico che ha visto partecipi "scrittori e popolo" (un omaggio ad Asor Rosa e ai suoi comitati), specialisti e cittadini, per elaborare questo piano di tutela del territorio.

La Toscana non è solo spot televisivi e set cinematografico, e lo è anche per il frutto di un lavoro secolare. Scrive Rossi: "Se è la bellezza che richiama il mondo in Toscana essa va preservata. Se la qualità del suolo, dell'aria, dell'acqua e il clima determinano la bontà dei nostri alimenti gustati in tutto il mondo, essi vanno tutelati. La filiera corta, la buona agricoltura, non sono capricci della post-modernità ma consuetudini millenarie che rendono ancora possibile l'associazione immaginifica tra Toscana, buon vivere e bellezza".

E conclude citando Piero Calamandrei invitando al dialogo tra politica e cultura:

"Questa è la terra dove ci par che anche le cose abbiano acquistato per lunga civiltà il dono della semplicità e della misura".

Dopo l'introduzione di Anna Marson, l'assessore regionale che ha condotto e animato e coordinato il dibattito preparatorio alla definizione di un complesso accordo pianificatorio, una serie di saggi si soffermano sulla  indagine geo-storica, sulla rappresentazione del paesaggio, sull'approccio strutturale, sugli aspetti politici ed operativi.

Un quadro descrittivo e metodologico articolato ed uno strumentario fondamentale per avviare l'operatività del piano, con la partecipazione di ammistratorti e cittadinanza.

(Silvia Calamandrei)