Biblioteca Comunale di Montepulciano

Biblioteca Archivio Piero Calamandrei

Una bella testimonianza di memoria locale: "La macchina del tempo" di Giuseppe Momicchioli

Pubblicato in:

Domenica 28 febbraio 2015, ore 17, Palazzo del Capitano, Montepulciano:

Giuseppe Momicchioli

 

La macchina del tempo

Per non dimenticare


Montepulciano, 2015

 

Tante le foto e le memorie rievocate dalla macchina del tempo messa in moto da Giuseppe Momicchioli, dalla vicenda di Bossona, del bombardamento e del forcone che vuiene scaraventato sul cipresso  ad una gita scolastica ad Urbino.

Il libro si compone di due parti: una prima racconta cronache di fatti del territorio poliziano e ricorda personaggi e amici .
Come Momicchioli dice lui stesso nella prefazione
"Ricordi dal sapore agro-dolce quasi perduto del sacrificio, della serena rassegnazione, della pietas paesana, del sapersi accontentare del poco fino a trovare la capacità di ridere e di essere felici anche con quasi niente... Io ho voluto soltanto ricordare personaggi bizzarri e fatti lieti di tutti i giorni ed evenienze tristi e terribili che mi hanno lasciato una fenditura profonda nella memoria".

La seconda parte invece racconta dei tabernacoli diffusi nel territorio poliziano, con un bell'apparato iconografico e fotografico.  Se apparentemente sembra avulsa dalla prima, in realtà il "racconto" dei tabernacoli dà sostanza al ricordo dei personaggi: uomini e arte uniti nel ricordo.

Oltre ai luoghi e agli amici, ai personaggi che riaffiorano nella memoria,  giorni ed evenienze tristi e terribili che mi hanno lasciato una fenditura profonda nella memoria".
La seconda parte racconta dei tabernacoli diffusi nel territorio poliziano, con un bell'apparato iconografico e fotografico. Se apparentemente sembra avulsa dalla prima parte del libro, in realtà il "racconto" dei tabernacoli dà sostanza al ricordo dei personaggi: uomini e arte uniti nel ricordo. giorni ed evenienze tristi e terribili che mi hanno lasciato una fenditura profonda nella memoria".
La seconda parte racconta dei tabernacoli diffusi nel territorio poliziano, con un bell'apparato iconografico e fotografico. Se apparentemente sembra avulsa dalla prima parte del libro, in realtà il "racconto" dei tabernacoli dà sostanza al ricordo dei personaggi: uomini e arte uniti nel ricordo. giorni ed evenienze tristi e terribili che mi hanno lasciato una fenditura profonda nella memoria".
La seconda parte racconta dei tabernacoli diffusi nel territorio poliziano, con un bell'apparato iconografico e fotografico. Se apparentemente sembra avulsa dalla prima parte del libro, in realtà il "racconto" dei tabernacoli dà sostanza al ricordo dei personaggi: uomini e arte uniti nel ricordo. i giorni ed evenienze tristi e terribili che mi hanno lasciato una fenditura profonda nella memoria".
La seconda parte racconta dei tabernacoli diffusi nel territorio poliziano, con un bell'apparato iconografico e fotografico. Se apparentemente sembra avulsa dalla prima parte del libro, in realtà il "racconto" dei tabernacoli dà sostanza al ricordo dei personaggi: uomini e arte uniti nel ricordo.particolarmente caro al dottor Momicchioli è il fantoccio del Pulcinella appena restaurato: da bambino, vivendo in via Roma a poca distanza dalla torre, le ore venivano scandite dal pupazzo: la neve del Natale 1943, annus horribilis, viene annunciata dal "suono chioccio e attutito, quasi felpato, emesso dalla campana di Pulcinella colpita dal martello".

(Silvia Calamandrei)

(Locandina in allegato)

 

 

AllegatoDimensione
Locandina Momicchioli.jpg114.34 KB