Biblioteca Comunale di Montepulciano

Biblioteca Archivio Piero Calamandrei

LA SCOMPARSA DI ILIO CALABRESI

Pubblicato in:
LA SCOMPARSA DI ILIO CALABRESI

Montepulciano, 27 febbraio 2014

Abbiamo appreso della scomparsa oggi, alle ore 15 in Sarteano, di Ilio Calabresi, dopo una lunga malattia. Il suo nome è quasi un mito presso tutti gli studiosi e gli appassionati di storia locale di Montepulciano e della Valdichiana. Grande paleografo, curatore di edizioni di documenti con qualità scientifica eccezionale, appassionato studioso di istituzioni del basso Medioevo, può considerarsi un degno e luminoso erede delle "scuole storiche" di ottocentesca memoria, di cui riprendeva il gusto "filologico" per le fonti e la serietà metodologica, senza dimenticare la lezione della scuola annalistica francese. Non esitiamo a dire che lo studio della storia di Montepulciano non è stato più lo stesso dopo le sue ricerche, che hanno toccato il vertice con il monumentale "Glossario giuridico dei testi in volgare di Montepulciano", purtroppo arrestatosi al IV volume, testimonianza del suo lavoro all'Istituto per la Documentazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Ne' possiamo dimenticare, fra gli altri, il suo prezioso lavoro di riordino e inventariazione dell'Archivio Storico del Conservatorio del San Girolamo, che ha reso disponibile un insieme documentario di grandissimo valore, non solo locale. Dopo di lui tutti i ricercatori locali si sono dovuti  confrontare con un modello di lavoro che li ha costretti ad un rigore di metodo insolito in questi ambienti.

Di questo, ancor più che dei risultati delle sue ricerche (per la maggior parte ancora inedite), dobbiamo essergli grati per un lungo tempo avvenire. Ci auguriamo comunque che il suo ricchissimo Archivio e la sua Biblioteca, in deposito presso la Misericordia di Acquaviva di Montepulciano, possano essere presto oggetto di inventariazione, riordino e catalogazione: siamo sicuri che l'avrebbe gradito più di ogni altra cosa.

Arrivederci Ilio, e che la terra ti sia lieve!

 

Duccio Pasqui

Direttore dell'Istituzione