Biblioteca Comunale di Montepulciano

Biblioteca Archivio Piero Calamandrei

Il libro della settimana....dal 22 al 26 settembre 2009

Pubblicato in:

Carla Corradi Mussi

Vampiri europei e Vampiri dell'area sciamanica

Soveria Mannelli - Messina, Rubbettino Editore, 1995
 

"La tipologia vampirica dell'area sciamanica (Nord-Est dell'Eurasia) fin dai primordi appare strutturata diversamente da quella dell'area europea occidentale. La concezione del vampiro "in corpore" delle genti cavalcatrici delle steppe rispondeva alle paure legate alla necessità di salvaguardare la sopravvivenza della tribù attraverso la incarnazione, possibile solo se la tappa della morte veniva accettata in modo completo. Il vampiro "fantasma" di stampo greco-romano, diffusosi nell'immaginario popolare e colto europeo occidentale, era motivato, invece, fondamentalmente dalla cosiddetta paura del ritorno dei morti, tipica di tutta l'umanità.
Ciò non significa che in Occidente non si manifestassero le influenze delle credenze sciamaniche, ma si trattava di fenomeni di importazione. Un ruolo rilevante di anello di congiunzione delle ideologie sciamaniche con il paganesimo occidentale rivestirono popolazioni come i Traci e gli Osseti, attraverso la cui mediazione le concezioni di matrice sciamanica entrarono in Grecia, per poi irradiarsi altrove.Tra gli agenti di trasmissione culturale figuravano senza dubbio anche i Celti nei loro successivi spostamenti, mentre la funzione di piste di scambio di idee fu propria, in particolare, delle strade percorse dai mercanti, come la via dell'ambra baltica.
In epoca moderna fu soprattutto la "moda culturale" settecentesca del vampiro ad attirare l'attenzione degli Europei occidentali verso l'Est dell'Europa ed a procurare una compenetrazione reciproca dei temi vampirici. Ne nacque una confusione tuttora vigente che suscita la necessità di una definizione più chiara del vampiro, oltre che 
dell'individuazione dei casi più clamorosi dei falsi vampiri della storia.
Miti, saghe, cronache, leggende, tradizioni popolari costituiscono le fonti del curioso e suggestivo viaggio nel passato fino alle radici del vampirismo tra i primi abitatori dell'Europa.
Una più approfondita conoscenza del carattere eclettico della cultura europea fino dal più lontano passato apre nuovi, ampi orizzonti nella prospettiva di una nuova Europa."


(dalla 4a di copertina)